Piatti tipici calabresi da gustare

414
pesce spada

Racchiusa tra due mari, caratterizzata da forti contrasti, con un’anima a metà tra mare e montagna, la Calabria è una terra rustica e genuina. E la sua cucina è esattamente come lei.

La cucina tipica calabrese, infatti, custodisce rituali culinari antichissimi, tutti da scoprire e da gustare. Si tratta di un tipo di cucina che si distingue per i suoi sapori decisi e intensi, per il suo legame con la tradizione e con il popolo. Scopriamo insieme i 5 piatti che dovete assolutamente provare durante un soggiorno in Calabria.

La N’duja

Niente parla di Calabria come la n’duja, una delle specialità locali più note. Si tratta di un salame spalmabile morbido e saporito, e rigorosamente piccantissimo. Alimento povero, ormai prodotto in tutta la regione, la n’duja si realizza con lardo, pancetta, guanciale e parti di coscia e tsta del maiale, a cui si unisce il peperoncino. Da qui nasce un impasto unico, che grazie alla lavorazione non indurisce nemmeno dopo la stagionatura. Il modo migliore di consumare la n’duja è spalmata sulla pitta, tipico pane calabrese, o sulla pizza, insieme a formaggi locali come il Caciocavallo Silano Dop.

La Sardella

Si tratta di un’altra crema spalmabile, questa volta a base di pesce ma sempre, immancabilmente, piccantissima. La sardella viene preparata con pescetti di taglia media, mischiati a sale e peperoncino macinato: per il suo gusto unico viene chiamata anche rosamarina, o caviale dei poveri.  Originaria della provincia di Crotone, la sardella ormai si trova su tutte le tavole, come perfetta salsa da spalmare su pane, pasta, pizza e focacce.

Pesce spada alla ghiotta

Inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali dal Mipaaft, il pesce spada alla ghiotta è uno squisito secondo di pesce, tipico delle zone di Reggio Calabria e Messina. Come dice il nome, il piatto è a base di pesce spada, condito con un sughetto succoso a base di pomodoro, capperi e olive. Semplicemente irresistibile.

Polpette

Caloriche, fritte, e incredibilmente buone: le polpette, sono tipiche delle zone di montagna, ma ormai sono diffuse in tutta la Calabria. Famose in tutta Italia come esempio di cucina calabrese, si preparano con carne di maiale, uova, formaggio caprino, prezzemolo, peperoncino olio e sale. Una tira l’altra, provare per credere.

Frittole Tipiche di Reggio Calabria, le frittole rappresentano perfettamente il concetto di “cucina povera”. Si tratta, infatti, di un piatto che viene realizzato con le parti di scarto del maiale che rimangono dopo la pulitura. Il tutto si cuoce dentro un pentolone di rame stagnato (la caddàra) in acqua salata e per almeno 5 ore.