Curare la tracheite nel cane

0
1657
Come curare la tracheite nel cane

Tutti coloro che hanno la fortuna di condividere la propria vita con degli amici a quattro zampe sanno molto bene che, purtroppo, in qualsiasi momento può presentarsi qualche disturbo a cui occorre porre prontamente rimedio.

Può ad esempio capitare che il cagnolino prenda freddo correndo in giardino o per uno sbalzo di temperatura, e si ammali di tracheite. Ma di cosa si tratta, come riconoscere e come curare la tracheite nel cane?

Sintomi della tracheite nel cane

I sintomi della tracheite nel cane sono principalmente legati alla presenza di una tosse insistente, con espulsione di piccole quantità di saliva: il cane è generalmente portato ad assumere una posizione acquattata, con il collo disteso, producendo produce suoni rochi che terminano con la deglutizione o l’espulsione di catarro.

Insomma, noterete che il cane abbaia in modo insolito, con toni e suoni alterati rispetto a quanto magari è di solito fare. La tosse può essere lieve o molto rumorosa, poco frequente o intensa, a seconda dell’estensione dell’infiammazione.

Cura della tracheite nel cane

Se notate che il cane manifesta tali sintomi, occorre per prima cosa contattare un veterinario affinché costui possa effettuare una prima diagnosi sulla base di sintomi e risposta a un trattamento immediato.

In alcuni casi il veterinario potrà prescrivere degli esami più approfonditi (come l’analisi del sangue o radiografie): una volta ottenuto un quadro più completo della situazione, potrà prescrivere specifici trattamenti.

Il trattamento dipenderà dalla causa scatenante: se è batterica o parassitaria, le tracheiti vengono curate con una terapia a base di antibiotici e antiparassitari. In altri casi, il veterinario potrà prescrivere dei farmaci specifici contro la tosse, espettoranti e calmanti. In altri casi ancora potrebbe essere necessario ricorrere all’utilizzo di corticosteroidi.

Naturalmente, nel caso in cui la tracheite dipenda da malattie sottostanti, come un cancro o delle patologie polmonari, o lesioni, il veterinario dovrà puntare a curare la patologia scatenante.

E’ bene tenere presente che durante il decorso della tracheite è bene tenere il cane al caldo e non esporlo alle intemperie (procuratevi un cappottino per le passeggiate).

Quanto dura la tracheite nel cane

Una delle domande più ricorrenti che i proprietari di pet hanno l’abitudine di fare al proprio veterinario, è quanto dura la tracheite nel cane.

Ebbene, generalmente la tracheite nel cane è un disturbo passeggero che può durare pochi giorni io una settimana circa (ma attenzione: diventa un disturbo cronico se adeguatamente curata!).

Se invece l’infiammazione è più estesa, la cura completa potrebbe estendersi per circa 2-3 settimane: il tempo necessario affinché gli antibiotici e gli espettoranti possano fare il loro decorso, favorendo la scomparsa dell’infiammazione e della tosse, con quest’ultimo che è certamente il sintomo più fastidioso della tracheite.

Ricordiamo anche con l’occasione l’importanza di una sana prevenzione vaccinale. Negli animali correttamente vaccinati, infatti, in 10-15 giorni si verifica una remissione spontanea della malattia. Negli altri casi, come sopra, occorrerà invece attendere che facciano pieno effetto gli antibiotici.

Per maggiori informazioni, vi invitiamo naturalmente a parlarne con il proprio veterinario di fiducia, condividendo lo stato di salute del proprio animale.