Animali: 5 miti da sfatare

0
51
gatto

Il mondo animale cattura l’interesse di molti, ma siamo sicuri di conoscerlo bene?

Ci sono infatti un sacco di dicerie che non rispecchiano la realtà, diffuse magari per credenze sbagliate, o per studi sugli animali non completi.

L’articolo in questione si ripropone di sfatare alcuni miti. Ecco una lista di FALSE CREDENZE sugli animali:

  1. I pinguini sono monogami.

No, i pinguini non sono monogami. È vero, durante il periodo di cova, e di crescita del piccolo, il maschio rimane accanto alla femmina e fornice anch’esso cure parentali. Però è altrettanto vero che la coppia non resterà insieme per sempre, infatti, durante la stagione riproduttiva successiva i due cercheranno entrambi nuovi partner con cui riprodursi.

  • Le gobbe del cammello sono piene d’acqua.

Il cammello è un animale molto resistente, che può percorrere lunghi cammini nel deserto, trasportando grossi carichi, senza ii bisogno di bere o di mangiare. E sì, utilizza veramente le sue gobbe come fonte di energia secondaria, tuttavia in queste non vi è dell’acqua, bensì riserve di grasso.

  • Il pesce rosso ha una memoria di tre secondi.

Si è già parlato a lungo del pesce rosso, e si è già chiarito che questo animale è in grado di diffondere la sua conoscenza anche alle generazioni successive. Si è provato dai ricercatori, inoltre, che il pesce rosso è in grado di associare eventi a stimoli positivi e/o negativi. Pertanto, è assolutamente falso che il pesce rosso non ha memoria.

  • Il camaleonte cambia colore in base all’ambiente che lo circonda.

È assolutamente falso che il camaleonte cambia colore in base all’ambiente che lo circonda. Infatti, non tutte le specie di camaleonte sono in grado di mutare colore, e se lo fanno, non sempre assumono il colore che hanno intorno. In realtà i camaleonti cambiano colore per diversi motivi, primo tra tutti è la paura. Il cambiamento di colore dovrebbe spaventare il predatore, e quindi dissuaderlo dal mettere in pratica un eventuale attacco. Un altro motivo è il corteggiamento, momento in cui il maschio sostituirà il colore della sua pelle con toni più vivaci per mostrare la sua bellezza.

  • Il gatto vede bianco e nero

No, il gatto, seppur in maniera limitata, è in grado di vedere i colori. Infatti, può vedere benissimo il blu, il verde e il giallo, faticando però a riconoscere il rosso e il marrone. È inoltre in grado di vedere di notte e di captare anche i più piccoli movimenti.