Come chiedere correttamente un preventivo SEO

0
285
preventivo SEO

Sicuramente, se stai cercando un consulente SEO per il tuo business, è probabile che ti trovi nella situazione di chiedere un preventivo da diverse aziende. Ovviamente il budget è un grande fattore nella tua decisione, anche se non dovrebbe essere l’unico. Per valutare bene le offerte che ricevi e’ importante che ogni richiesta contenga determinate informazioni che aiuteranno il professionista SEO a farti un preventivo realmente adeguato.

Tutte i preventivi SEO raccolti ti aiuteranno a prendere la decisione finale su quale professionista assumere. Ecco alcune cose che devi includere nelle tue richieste di un preventivo SEO per far si che siano veramente adeguati e paragonabili tra loro.

Fai domande rilevanti

Fai tutte le domande di cui hai bisogno per sapere cosa aspettarti dal consulente SEO stesso. Eccone alcune che dovresti porre:

  • Il tuo budget ti consentirà dei servizi SEO completi?
  • Puoi permetterti di assoldare il tuo consulente SEO anche come content writer o dovrai produrre contenuti da solo?
  • Quali sono i metodi che usa per realizzare il tuo obiettivo SEO?
  • In quanto tempo prevede di arrivare ad un risultato apprezzabile?

Breve storia del tuo business

Per fare un buon lavoro con il tuo consulente SEO, il tuo aspirante partner deve capire la tua azienda quasi come te. Da quanto tempo sei nel business? Quali prodotti o servizi vendi? Chi è il tuo pubblico di riferimento o mercato principale?

Che ci credi o meno queste cose possono influenzare come il consulente SEO percepisce la tua azienda e lo aiuteranno a elaborare una strategia più efficace.

Attuali azioni commerciali

I tuoi sforzi di marketing offline attuali già influiscono sulla tua SEO.

Ad esempio, i marchi che spendono un sacco di soldi per la pubblicità sui canali tradizionali (giornali, televisioni, affissioni, promozioni sul territorio) probabilmente faranno un buon lavoro nel veicolare il traffico verso il proprio sito.

Qualcuno vede la tua pubblicità stampata o la tua pubblicità TV e cerca il tuo sito web direttamente usando parole chiave con il marchio. Marchi noti (grazie alla pubblicità offline) potrebbero anche avere un vantaggio anche per le ricerche non di marca; se gli utenti riconoscono il tuo sito web nelle SERP, è più probabile che facciano click.

Il tuo aspirante consulente SEO deve conoscere le tue attuali azioni promozionali offline per poterle meglio integrare ina una strategia comunicativa globale e far si che i tuoi attuali sforzi possano avere un impatto ancora maggiore.

Attuali azioni di marketing on line

Sei attivo nei social media? Pubblichi attualmente un blog aziendale o contribuisci intervenendo su altri siti o canali tematici? Hai in corso una campagna PPC (oppure hai investito in PPC precedentemente?) Quanti soldi spendi, se ne spendi, per la pubblicità online?

Tutto ciò che fai online può essere sfruttato per il SEO e sapere in che tipo di azioni già conduci attualmente potrebbe influire sul tuo preventivo SEO.

Situazione SEO attuale

Per far sì di avere un preventivo SEO adatto a te devi anche comunicare al professionista all’agenzia di comunicazione con la quale stai dialogando la tua attuale situazione SEO.

Hai già lavorato con un partner SEO? Se si devi anche comunicare chi era: un professionista nel vero senso della parola, un improvvisato smanettone o un’offerta trovato in qualche angolo del web proveniente da oscure e super economiche agenzie SEO indiane?

Hai fatto qualche a zione di link building da solo?  Il tuo sito è stato ottimizzato prima d’ora?

La tua attuale situazione di posizionamento sui motori di ricerca influirà sul lavoro che il tuo nuovo fornitore SEO può svolgere. L’analisi del punto di partenza è determinante per la compilazione di un corretto preventivo SEO da parte dello specialista (Filippo Jatta di jfactor ne fa di molto dettagliati). Fare la fotografia del punto di partenza può variare la quantità di lavoro da fare e quindi sull’importo stesso dell’offerta.

Se il tuo consulente SEO deve cominciare dall’inizio, in genere dall’analisi delle keyword della nicchia in cui ti vuoi posizionare, è un lavoro più lungo rispetto ad un sito web aziendale che ha già dei contenuti e delle performance misurabili sui motori di ricerca dove probabilmente andrà aiutato con una strategia improntata prevalentemente sulla link building.

È anche importante menzionare se hai subito una penalità dai motori di ricerca in quanto ciò ha un impatto notevole sul tipo di lavoro SEO che deve essere fatto per aiutare il tuo sito. Tieni presente che alcune agenzie SEO potrebbero richiederti maggiori informazioni per assicurarsi che tu sia un buon cliente per loro. Un fornitore di SEO che lavora seriamente vuole fornire il miglior servizio possibile ai propri clienti e per farlo deve sapere esattamente a che punto si trova il tuo sito e il marketing online del tuo business.