Le spose di Abakhi, appuntamento il 25 novembre alle ore 18

0
28
spose di Abakhi

Le spose di Abakhi in programma domenica 25 novembre, alle ore 18, al Salone degli Specchi di Miramare, a Reggio Calabria

Un appuntamento imperdibile impreziosito da una sfilata di abiti da sposa donati all’Accademia del Tempo Libero, a suggellare un’iniziativa benefica promossa dall’associazione Abakhi in collaborazione con il Comune di Reggio Calabria e organizzata interamente da volontari.

L’appuntamento non permetterà solamente alla cittadinanza interessata di conoscere quali siano le finalità e le iniziative poste in essere e programmate dall’associazione, quanto anche l’opportunità per contribuire con un’offerta libera alla loro realizzazione.

Stando a quanto condiviso dall’associazione, il ricavato della manifestazione servirà a sostenere la “Casa di Benedetta”, una struttura collocata all’interno del Parco dei Monfortani, concessa in comodato d’uso gratuito all’associazione, e attualmente in fase di ristrutturazione. Il riferimento alla “Benedetta”, cui sarà ribattezzata la struttura, è quella di Benedetta Nieddu Del Rio, prematuramente scomparsa, e già rammentata anche dalle generosità della fondazione “Benedetta è la vita onlus”, che con le sue donazioni ha contribuito a più della metà dei lavori finora espletati, insieme al contributo dei cittadini privati e dell’associazione Eccomi onlus.

Considerato che rimangono ancora da ultimare due bagni e parte della cucina, la pavimentazione e gli infissi, c’è la convinzione che la manifestazione del 25 novembre possa dare un gradito impulso.

Oltre che sotto il profilo economico, l’evento sarà fondamentale anche sotto quello culturale. Come sottolineato dal presidente di Abakhi, Alessandro Cartisano, le offerte sono sì determinanti per la progressione dei lavori, ma è essenziale che ci si soffermi anche e soprattutto sull’aspetto umano e sociale, che l’associazione desidera condividere con tutta la comunità.

Con l’occasione, Cartisano ricorda come il progetto non si esaurisce certamente con la sfilata del 25 novembre, ma va ben oltre grazie alla collaborazione di persone di buona volontà, che desiderano impegnarsi nella comunità di appartenenza a beneficio degli ultimi. “Noi desideriamo alimentare insieme questa Umanità e costruire una casa per chi non ce l’ha mai avuta oppure l’ha perduta. Questo è il modo con cui abbiamo scelto di restare a Reggio Calabria e la via che abbiamo intrapreso per costruire qui il futuro nostro e di tutta la comunità. Invitiamo sentitamente la cittadinanza a starci accanto e a farci sentire la loro vicinanza” – ha poi concluso Cartisano.